Perchè la mia azienda dovrebbe avere una certificazione aziendale?

Dobbiamo immaginare la certificazione aziendale come un irrinunciabile biglietto da visita, un riconoscimento, capace di offrire all’azienda un vero e proprio vantaggio competitivo.

Tutte le imprese devono affrontare le sfide legate ai loro obiettivi di business. Un sistema di gestione efficiente e fatto su misura aiuta a trasformare queste pressioni in vantaggi competitivi per le imprese, all’interno del mercato globale.

Il successo di un’azienda dipende dalle decisioni strategiche che prende ogni giorno. Dotarsi di sistemi di gestione della qualità in grado di ridurre la complessità aziendale e certificare i propri prodotti può, infatti, segnare in positivo il futuro di un’azienda. 

Le certificazioni di sistema e di prodotto

Prima di addentrarci nella questione è bene fare prima una distinzione tra certificazioni di sistema e certificazioni di prodotto:

  • La certificazione di sistema definisce i criteri attraverso cui un’organizzazione può gestire il suo ciclo produttivo in modo da soddisfare i bisogni dei clienti, nell’ottica del miglioramento continuo. Le più note certificazioni per aziende sono la certificazione ISO 9001, che riguarda i sistemi di gestione della qualità, l’ISO 14001 e l’EMAS il sistema di gestione ambientale, l’ISO 45001 il sistema di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro, l’ISO 22000 la sicurezza alimentare, l’UNI ISO 37001 il sistema di gestione per la prevenzione della corruzione, il SA8000 la gestione etica e la responsabilità sociale. 
  • La certificazione di prodotto è invece associata a un prodotto tangibile o a un servizio e assicura che siano rispettati determinati requisiti tecnici, stabiliti dalle norme nazionali o internazionali. È il caso della certificazione per la rintracciabilità di filiera ISO 22005, degli standard degli standards GFSI (Global Food Safety Initiative) tra cui BRC, BRC Packaging, IFS FOOD, IFS Broker, FSSC 22000, Global Gap, ecc.. 

Ora torniamo alla domanda iniziale: perché avere una certificazione aziendale?

Oggi, i clienti chiedono alle aziende una maggiore attenzione alla qualità, all’ambiente e un maggiore impegno nel sociale. Per questo, agire nel pieno rispetto di tutti gli standard di qualità, sicurezza e sostenibilità, previsti dalla normativa, è una scelta che può davvero fare la differenza. 

Vantaggi di avere una certificazione aziendale

Efficienza ed efficacia: maggiore flessibilità significa appunto maggiore efficienza ed efficacia dei processi produttivi interni. Gestire un’organizzazione secondo un approccio sistemico e per processi consentirà di rendere più snelle le procedure, di evitare duplicazioni e sovrapposizioni, di rilevare errori, di creare sinergie e di ottenere migliori prestazioni nel tempo. 

Credibilità: un’azienda certificata non acquisisce solo un valore per sé, ma mostra ai suoi clienti quanto tiene alla tutela ambientale, alla sicurezza alimentare, alla qualità dei suoi prodotti e servizi, alla sicurezza nei luoghi di lavoro. In questo modo il cliente potrà fare una scelta più consapevole e l’azienda accrescerà la sua reputazione. 

Semplificazione: le certificazioni di sistema aiutano a semplificare le procedure organizzative, a standardizzare e automatizzare i processi, a razionalizzare le attività e a ottimizzare i tempi e le risorse. Così non solo aumenterà la flessibilità organizzativa, ma sarà più facile raggiungere in meno tempo gli obiettivi prefissati.

Soddisfazione dei clienti: le organizzazioni certificate sono più attente alle esigenze dei clienti, sanno coglierne i bisogni latenti e trovare nuovi spunti di miglioramento per i propri servizi. Più i clienti sono soddisfatti, più l’azienda crescerà a un ritmo sostenuto, aumenterà le proprie quote di mercato e conquisterà la loro fiducia nel medio-lungo periodo. 

Nuovi mercati: le certificazioni sono indispensabili per rispondere alle richieste sempre più pressanti della società in termini di qualità, salute, ambiente, sicurezza alimentare e nei luoghi di lavoro, un elemento strategico per differenziarsi dai competitors ed entrare, con una marcia in più, in nuovi mercati, mai esplorati prima. 

Controllo e misurazione dei risultati: le organizzazioni certificate sono soggette a controlli e verifiche periodiche. In questo modo sarà possibile monitorare e valutare nel tempo se si è fatto quanto pianificato in precedenza, sulla base di specifici indicatori di performance e grazie a processi standardizzati e dati certi migliorare le decisioni aziendali.

Trasparenza: possedere una certificazione vuol dire anche favorire l’accesso immediato ai documenti, una più ampia condivisione dei dati, una migliore comunicazione e trasparenza verso i dipendenti maggiormente coinvolti nei processi decisionali e verso i consumatori, che potranno contare su un servizio o un prodotto finale di qualità. 

A questo punto alle aziende non resta che chiedersi: “Perché non certificarsi?” Certificarsi equivale a sposare un vero e proprio metodo per una gestione più attenta, responsabile e integrata della propria organizzazione. Si tratta, del resto, di un percorso quasi obbligato alla luce degli attuali scenari globali, un’opportunità unica per crescere e innovare il proprio business. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.